La pasta frolla | EGG MILANO by Francesca Menicatti
Se non vuoi imparare a cucinare, o hai altro da fare, ma vuoi comunque dilettare il tuo palato, vengo a casa tua, preparo tutto io, con o senza il tuo aiuto!
EGG MILANO, Egg Milano Francesca Menicatti Maglia, Francesca Menicatti Maglia, qualità, servizi catering milano, chef at home milano, cuoca milano, piatti innovativi milano, piatti semplici e pronti milano, piatti della tradizione, piatti a domicilio, feste a domicilio, decorazione delle tavole, lo stile italiano a tavola, italian food, food blogger, home suggestions, food decor, cucina italiana a casa mia, mise en place, Milano
16353
single,single-post,postid-16353,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,qode_popup_menu_text_scaledown,hide_top_bar_on_mobile_header,qode-content-sidebar-responsive,qode-theme-ver-9.1.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive

La pasta frolla

IMG_5596

17 Lug La pasta frolla

Da bambina ero sempre un po’ delusa quando la mamma preparava la crostata alla marmellata, perché tutt’a la mia attenzione era rivolta solo ed esclusivamente al cioccolato fondente, ma da adulta ho molto rivalutatao questo impasto così versatile e creativo.

Si, di fatto c’è che la prima vera prova di creatività in cucina è sempre con la pasta frolla!  Siano biscotti o  improbabili triages, comunque tutti quanti noi siamo partiti da lì!

E allora date sfogo al meglio di voi ! i suggerimenti che vi do sono solo due : lavorate la frolla il meno possibile finito di fare l’impasto  lasciatela riposare 2 o tre ore in frigorifero e quando avrete finito la vostra Opera, torta o biscotti che siano,  rimettetela  in frigorifero per almeno 30 ‘, in questo modo le vostre  decorazioni  saranno impeccabili !

Ingredienti: 500 gr di farina  debole per frolla, in assenza 180w andrà bene, 300 gr di burro freddo, 200 gr di zucchero al velo, 80 gr di tuorli, 2 gr di sale ( non omettetelo), 1 bacca di vaniglia Bourbon, la scorza grattugiata di un limone .

Procedimento: mettete nella planetaria o nel frullatore la farina, il burro, il sale e i profumi (vaniglia e limone) fino a quando sono briciole .

Questo procedimenti si chiama sabbiatura, a questo punto mettete i tuorli e azionate la macchina fino a quando si compatta. Mettete la pasta sul piano di lavoro  appiattitela  su un foglio di carta da forno  dandole la forma di un rettangolo. Questo operazione vi aiuterà a farla raffreddare in maniera omogenea.

Trascorso  il tempo di riposo, sempre con l’ausilio della carta da forno stendete l’impasto all’altezza desiderata io con le bacchette per frolla utilizzo gli spessori da 4mm per le crostate e 2mm per biscotti o coupelle ( vedi frolla salata ).

E ‘ preferibile fare sempre almeno 500 gr di farina  viene meglio La Preparazione anche se poi non si utilizza tutto l’impasto  perché il restante si può tranquillamente surgelare.

Cottura in bianco con stampo microforato

 

Utilizzo gli stampi microforati imburrandoli e sistemandoli su carta forno e tappetino microforato silplat. Coppo  il fondo  con lo stampo stesso e poi prendo e taglio  i restanti  elementi. Quando il tutto è pronto metto in frigorifero per almeno 1 ora o 20 ‘ in freezer.

Cottura a 160 gradi con forno ventilato.

Se desiderate un effetto meno rustico e più lucido potete spennellare a fine della cottura in bianco la crostata e poi rimetterla in forno per la doratura per altri 5 minuti.

IMG_6843

Nessun commento presente

Ci dispiace, al momento non e’ possibile lasciare un commento.